Rollatura e Creazione

l’abilità del torcedor

I sigari Habanos sono realizzati Totalmente a Mano dai Torcedor (rollatori), con una tecnica antica, che non ha subito sostanziali variazioni nel tempo. Le sapienti mani, di questi essenziali lavoratori,non potranno mai essere eguagliate, da nessuna macchina.

Questo è il modo in cui viene realizzato 

Oltre allo loro mani e la loro preziosa esperienza, i torcedores, hanno a disposizione pochi altri strumenti:. Una tavoletta di legno (tabla). Due strumenti per tagliare: la chaveta ed un piccolo casquillo. Una ghigliottina, un vaso di colla naturale di origine vegetale totalmente insapore e incolore (goma). Ed infine una dima, per il controllo di lunghezza e circonferenza.

Gli attrezzi del torcedor

Come per molti altri mestieri, anche i torcedores sono racchiusi in categorie o, livelli, in base alla loro esperienza. Nel caso specifico, esistono 4 categorie di Torcedores, e solo ai più bravi è permesso rollare i sigari piu difficili da rollare. Ci vuole del talento naturale per raggiungere il livello più alto di questo mestiere che è rinomato fin dai tempi passati, dove una cosa soltanto cambiata. La maggior parte dei Torcedores ora sono donne (Torcedoras).

Andiamo ora a vedere i singoli passaggi, necessari per la realizzazione di un sigaro Habanos.

1: La realizzazione del Bonche

Come prima cosa la Torcedora distende sulla tabla le due o tre, mezze foglie che andranno a formare il capote. Sistemandole in modo che le venature sul lato inferiore delle foglie siano rivolte verso l’interno del cilindro, quando il sigaro sarà terminato.

torcedor

Le foglie del ripieno, richiedono invece una particolare attenzione, nella preparazione, in quanto le pieghe e gli allineamenti, sono fondamentali, per garantire un corretto passaggio del fumo, a sigaro finito. Tutti i sigari Habanos, vengono realizzati con le foglie di tripa rivolte verso la testa, cioè:. Le punte delle foglie, sono dalla parte della testa, mentre il piede della foglia, coincide con il piede del sigaro). Per far si che, durante la fumata, il gusto si intensifichi. Le foglie di medio tiempo e di ligero dal sapore più forte e dalla combustione più lenta sono sempre poste al centro.

torcedor avvolgimento del capote

Una volta selezionate e distese le foglie per il capote, e posizionate nella propria mano, le foglie che andranno a comporre la tripa, la torcedora (o il torcedor), danno forma al bonche. Avvolgendo il capote atorno alla tripa, facendo attenzione che il diametro, sia corrispondente a quello richiesto, per quel particolare Habano.

L’avvolgimento inizia dalla boquilla (la parte dove si accenderà il sigaro, ovvero il piede). Mentre la pressione esercitata, deve essere omogenea in tutti i punti. Infine, la testa del bonche viene rifilata con l’aiuto della ghigliottina o con la Chaveta.

I bonche poi vengono posizionati all’interno di stampi di legno chiamati molde, che vengono pressati per circa 30 minuti o più, per dare ai sigari il diametro preciso.

2: L’applicazione della capa

Una fase molto affascinante di questo lavoro, è sicuramente l’applicazione della foglia di capa. Quando la Torcedora prepara mezza foglia ancora umida, in modo che andrà ad aderire perfettamente alla forma del bonche. La distende sulla tavoletta con il lato più venato rivolto verso l’alto, e lasciando quindi il lato più liscio visibile all’esterno del sigaro, una volta finito.

L'arte del torcedor preparazione della capa

Il lembo della foglia viene tagliato con la chaveta, per eliminare eventuali sbavature o imperfezioni. Questo per far si che una volta finito il sigaro, le spire della foglia siano quasi invisibili. A patto che il colore della foglia sia costante ed omogeneo.

L'arte del torcedor applicazione della capa

Anche in questa caso, la foglia viene avvolta, sul bonce, partendo dal piede. Il bonche viene disteso sulla capa e rollato, questa volta però, con la punta della foglia di capa, rivolta verso il piede. Utilizzando la punta delle dita con abilità, il torcedor allunga e raddrizza la foglia, con molta attenzione, fino a quando il bonche non è completamente avvolto nella capa.

L'arte del torcedor preparazione del panuelo

La quantità di foglia eccedente viene tagliata: e da questa si ricava, prima il pañuelo, che viene avvolto intorno alla perilla per chiudere la punta e assicurare la capa. Ed infine con casquillo, si ricava il gorro, sempre dalla stessa porzione di foglia, cosi che non vi siano differenze di colore.

L'arte del torcedor applicazione del panuelo

Quando non è prevista la chiusura della testa con il pigtail (come nel caso dei sigari della marca Trinidad). Per conferire un tocco finale al sigaro, un piccolo disco di capa chiamato gorro, viene tagliato con il casquillo e fissato alla testa con gomma vegetale, per nascondere il ricciolo finale creato dal pañuelo.

L'arte del torcedor il casquillo

Infine, il sigaro viene tagliato alla lunghezza predefinita ed il lavoro è completo. In un giorno un buon Torcedor può produrre tra i 60 e i 150 Habanos con questo processo, a seconda delle dimensioni e della complessità della forma.

torcedor

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment